Home»Musica»Negrita. Desert Yacht Club tour

Negrita. Desert Yacht Club tour

2
Shares
Pinterest Google+

GIOVEDÌ 12 APRILE / PALALOTTOMATICA. ROMA

I NEGRITA sono tornati!
Dopo il successo di Bologna, il Desert Yacht Club tour della rockband aretina fa tappa a Roma giovedì 12 aprile, per un evento imperdibile al Palalottomatica.

Desert Yacht Club è uscito il 9 marzo 2018:
Nell’immaginario collettivo, da sempre, il viaggio è sinonimo di libertà. Quella libertà che rende alcuni uomini, in genere dei visionari, qualcosa di diverso dalla media di chi li circonda. Pur avendo mantenuto, spesso contro le logiche di mercato, un legame indissolubile con le proprie terre, i Negrita hanno fatto del cosmopolitismo uno dei propri tratti distintivi, qualcosa di fortemente simbolico, ma che nella pratica si è sempre trasformato in album che hanno segnato il panorama musicale italiano degli ultimi venticinque anni. Desert Yacht Club, in questo senso, è il più classico degli album dei Negrita.Talvolta, ai Negrita, piace far perdere le proprie tracce e, quando succede, chi li conosce davvero sa che qualcosa di importante bolle in pentola.
Erano stati fotografati con la Union Jack in pub malfamati di Camden Town, in kimono fra i tavoli di Tokyo che avevano visto passare generazioni di samurai e, infine, accampati nel deserto della California. Sempre insieme, sempre intorno ad una grande tavola, con tecnologia e chitarre. Qualche testimone aveva parlato di strane formule alchemiche, di riti iniziatici ignoti ai più. Altri riferivano solo di grandi risate, di quelle che fanno bene al cuore.
Quasi a chiudere un cerchio iniziato molti anni prima, era forse inevitabile che il punto d’arrivo del loro peregrinare, questa volta, dovesse essere la California. È proprio da quei luoghi che proveniva la maggior parte dei riferimenti culturali della loro adolescenza ed è proprio qui, tra le dune di Joshua Tree, che è nato Desert Yacht Club. Non un semplice titolo, seppur altamente evocativo, ma un vero e proprio omaggio ad un luogo reale d’ispirazione: l’omonima oasi creativa fondata dall’artista napoletano Alessandro Giuliano, lontana da tutto come una base di Marte, ma suggestiva, libera, estrema e autosufficiente, all’interno della quale la band ha partorito alcune delle idee principali del nuovo progetto.
È da qui, poi, che ha preso forma il concetto di Kitchen Groove. Un “metodo di lavoro senza studio di registrazione”, basato su un set up minimale ed esportabile ovunque, in grado di far fluire l’ispirazione senza filtri, senza classici preparativi o limiti di tempo. Il gusto di sedersi intorno ad una tavola più o meno domestica con un gruppo di amici, lasciando che la musica, scevra da preconcetti o pregiudizi di sorta, sorga spontaneamente: “Negli ultimi anni la musica è cambiata davvero e oggi come mai, vogliamo interpretarla a modo nostro” – dichiara la band – “Via i soliti rituali di composizione, via addirittura le sale prova. Sei musicisti e il loro produttore, un furgone lanciato sulle strade del sud ovest americano, dei portatili, un microfono e tre chitarre prese a noleggio. Arizona, Nevada, California e il confine col Messico sempre ad uno sputo da noi. Seduti attorno ai tavoli da pranzo che avevamo a disposizione, nelle metropoli come nei deserti, nasce il nostro Kitchen Groove. Tablet e smart phone sempre incandescenti per creare groove, beat ed effetti. Strumenti a corda che passano di mano in mano fra i sedili di un van. Idee, emozioni ed esperimenti come cibo per lo spirito per il nostro nuovo sound. Linguaggi nuovi e classici che si rincorrono, si intrecciano e si fondono in quel meraviglioso panorama in movimento che tra poco avrete modo di ascoltare anche voi”.
Ecco la rivoluzione di Desert Yacht Club: non serve uno studio di registrazione al passo coi tempi, non servono strumenti da migliaia di dollari, basta raggrupparsi a cielo aperto intorno alla stessa tavola e tutto prende forma senza bisogno di trucchi. L’istinto che vince sulla ragione, il viaggio che vince sulla routine, con tutti i vibranti stimoli che puoi fotografare in musica come in un’istantanea.

Quello che ne è nato è un album di rottura, che, pur mantenendo un doppio legame con la storia del gruppo, guarda al passato senza nostalgia e al futuro con la giusta arroganza, mostrando grande freschezza compositiva e nessuna derivazione. Un album catartico, nato da un momento difficile ma conclusosi con una fortissima carica positiva.
In numerologia, il 10 è considerato il numero perfetto, in quanto riunisce in una nuova unità tutti i principi espressi nei numeri dall’uno al nove. Per questo motivo è anche denominato Cielo, ad indicare sia la perfezione che il dissolvimento di tutte le cose. La perfezione relativa allo spazio-tempo, ma anche il cambiamento che permette all’iniziato di evolvere, di crescere e di elevarsi spiritualmente.
Non è dunque un caso che il decimo album della band aretina sia probabilmente il più autobiografico della propria carriera, rappresentando tuttavia, allo stesso tempo, un vero e proprio nuovo inizio. Un nuovo corso fatto di voglia di rischiare, di continuare a mettersi in gioco, di sperimentare nuove sonorità, ma sempre al servizio di un messaggio chiaro, talvolta disilluso, ma fortemente legato al nostro tempo. Un pugno in faccia a chi crede che niente debba mai cambiare (perché l’abitudine è comoda e rassicurante), un’idea di evoluzione, con la classica voglia di provocare. Una dichiarazione di libertà, un’attitudine lontana da qualsiasi forma di nostalgia, pur mantenendo un evidente filo conduttore con il proprio gusto e la propria formazione. Nuovo viaggio, nuove esperienze, nuovo sound, proprio come insegna la storia dei Negrita.
Insomma, loro sono ancora qua, ma non li prenderete mai.

 

 

………………………
GIOVEDÌ 12 APRILE 2018
PALALOTTOMATICA. ROMA

I biglietti sono in vendita esclusivamente sul circuito Ticketone.
Eventuali tagliandi in vendita su altri circuiti non sono autorizzati.

Biglietti ONLINE

Previous post

DANILO RUGGERO. IN REALTÀ È SOLO PAURA LIVE

Next post

GLI APPUNTAMENTI DEL WEEK END