Home»Arte e Cultura»Tunué. Più Libri Più Liberi 2017

Tunué. Più Libri Più Liberi 2017

0
Shares
Pinterest Google+

dal 6 al 10 dicembre 2017 / Centro Congressi La Nuvola. Roma EUR

Fiera nazionale della piccola e media editoria
Più Libri Più Liberi cambia e si sposta al Nuovo Centro Congressi all’ombra della Nuvola di Fuksas.


Per l’ultima fiera dell’anno Tunué presenta un catalogo più ampio con tutte le novità che hanno reso unico questo 2017.
Dai Tipitondi di inizio anno, come Brina e Le due metà della luna, passando per i grandi nomi rientrati nei Prospero’s Books, come Peter Kuper e Merwan, e arrivando alla collana degli illustrati Mirari sempre più strutturata: le nuove edizioni di Shaun Tan e Forse l’amore di Sualzo e Vecchini.

Le ultime due pubblicazioni dell’anno in uscita questa settimana sono: Serpenti ciechi di Felipe Hernández Cava e Bartolomé Seguí e Stagioni, Quattro storie (e mezza) per Emergency di Binni, Campana, Carità, Piccoli e Rocchi.

Serpenti ciechi, pubblicazione di spessore che unisce due nomi importanti del fumetto spagnolo. Sceneggiato da Cava, più volte premiato alla fiera del fumetto di Barcellona, e illustrato da Seguí, in novembre insignito del Gran Guinigi di Lucca Comics and Games per il nostro Storie del barrio. Un fumetto iconico per il genere a cui appartiene, il noir. Dotato di un intreccio solido e articolato trascina il lettore verso un colpo di scena abbagliante.

Stagioni, Quattro storie (e mezza) per Emergency è una pubblicazione a cui teniamo molto. La lingua della Tunué è le sue storie, ci accompagnano e ci avvicinano ai lettori. Questa volta invece raccontiamo le storie di qualcun’altro, di Emergency. Grazie ad un incredibile lavoro di squadra coordinato da Stefano Piccoli abbiamo assemblato un volume carico di significato e speranza. Raccontare la quotidianità dei luoghi dove opera Emergency è una testimonianza importante e siamo orgogliosi di offrire ai lettori la nostra chiave di lettura. Le storie sono di Antonio Bruscoli, Roberto Maccaroni e Patrizia Pasqui. Al resto ci hanno pensato: Simona Binni (La memoria delle tartarughe marine, Tunué 2017), Paolo Campana, Francesca Carità e Marco Rocchi (Le due metà della luna, Tunué 2017) e Stefano Piccoli (Cuore nella notte, Tunué 2014).

 

Previous post

Crista

Next post

JOVANOTTI OH, VITA!